Mission – Blog Antifragile

Mission – Blog Antifragile

Il pensiero che muove le trattazioni all’interno di tale blog ha l’obiettivo di inventare qualche imperfetto surrogato col quale si cercherà di vedere la realtà attraverso una sua semplificazione.

Il tutto si basa, fondamentalmente, sull’adozione di un “focus-antifragile”, ossia un modo alternativo di vedere le cose, un’angolazione prospettica che cerca sempre di andare a scontrarsi con ciò che non si comprende e che riflette la realtà il più fedelmente possibile. Un focus con cui si cerca di evitare di attraversare la strada con gli occhi bendati.

La chiave del tutto risulta essere la semplicità. Contrariamente a ciò che si pensa, un sistema complesso non ha bisogno di strutture e regole complicate, né di politiche astruse. Più semplice è, meglio è. Eppure, è sempre stato difficile integrare la semplicità nella vita moderna, perché contraria allo spirito di una certa categoria di individui che inseguono la sofisticazione per giustificare la propria professione. Come disse Steve Jobs: “devi lavorare duro per ripulire il tuo pensiero e renderlo semplice”.

Ciò che è fragile è anche estremamente complesso, la robustezza dell’antifragilità, invece, rende il tutto più chiaro, lineare e duraturo nel tempo.

Funzione essenziale è rappresentata dal linguaggio. La ricerca di un linguaggio logicamente perfetto è anche il risultato di una ricercata semplicità espositiva, che asserisce o nega i fatti. Il compito del buon scrittore e del curioso lettore è quello di interpretare e dare un senso personale ai fatti che ogni giorno invadono i nostri ‘media’. D’altronde, è assodato che i fatti non contano in assoluto, conta più il senso di cui essi si fanno portatori.

Il mondo è la totalità dei fatti, non delle cose ― L. Wittgenstein