Ma non stiamo andando verso un mondo senza inflazione?

Ma non stiamo andando verso un mondo senza inflazione?

un-mondo-senza-inflazione-blog-antifragile-matteo-gallone

“Sull’inflazione arriva l’effetto Amazon” titolava qualche giorno fa Il Sole 24 ore.

Secondo l’articolista del Sole, Andrea Franceschi, “la diffusione dell’e-commerce, ha l’effetto di generare una forte pressione al ribasso sui prezzi al consumo. Una spinta deflattiva che secondo molti economisti sarebbe una delle ragioni per cui, nonostante lo stimolo monetario messo in atto dalle maggiori banche centrali in tutto il mondo, non si veda ancora all’orizzonte una significativa ripresa dell’inflazione”.

Noi che vogliamo che anche il nostro pensiero sia sempre più “antifragile” non ci abituiamo a vedere il mondo alla rovescia. E quindi, di fronte a questa come ad altre analisi di questo tipo, ci chiediamo: perché ci vogliono inculcare nella zucca che un ritorno all’inflazione sia una cosa desiderabile?
Perché in un’epoca in cui un giovane su 2 (in Italia) non riesce a trovare lavoro, quello che c’è è sempre più precario e mal pagato, dovremmo desiderare… “la perdita del nostro potere d’acquisto”, perché, in definitiva, questo è l’inflazione?

Ci dicono, l’inflazione è un indice che l’economia ha ripreso a crescere.

Ma non è un ragionare al contrario? Anzi, una totale assenza di ragionamento e del minimo sforzo di capire dove sta andando la realtà?

E’ vero o non è vero che l’automazione delle fabbriche prima e adesso la loro robotizzazione, la digitalizzazione degli uffici, la disintermediazione della catena distributiva e, più in generale, il più elevato livello di concorrenza che la globalizzazione ha generato, stanno dando qualche beneficio anche noi poveri consumatori, riducendo a volte in modo sostanzioso, il prezzo dei prezzi di beni e servizi in circolazione? E’ vero o non è vero che i processi sopra descritti accrescono il potere d’acquisto di ognuno di noi, compensando almeno in parte la disponibilità di minori redditi che – per effetto della crisi economica, degli stravolgimenti provocati dal progresso tecnologico, ecc. – registriamo all’interno delle nostre famiglie da un bel numero di anni a questa parte? Perché tutto questo non andrebbe bene? Perché dovremmo desiderare il contrario?

inflazione-blog-antifragile-matteo-gallone

Un mondo senza inflazione: ci stiamo già dentro

La sovraccapacità produttiva che ormai tormenta tanti settori (basti pensare a quello delle auto), da un lato e la riduzione della natalità in tutti i paesi più avanzati, dall’altro, ci stanno conducendo in un mondo senza inflazione; anzi, ci siamo già dentro!

Se non ripartono le nascite e se, di riflesso, non si crea nuovo lavoro, non ci sarà vera crescita. E per “vera crescita” non si intende di certo  quella degli zero virgola tanto sbandierati! In queste condizioni, una ripresa dell’inflazione non sarebbe l’effetto di una reale ripartenza dell’economia ma la causa di un ulteriore e drammatico impoverimento di strati sempre più larghi della popolazione.

Lascia un commento